Come immobiliare Tasse lavoro, una vita reale Esempio

Negli Stati Uniti, la tassa di proprietà, anche comunemente indicato come una tassa di successione, o peggiorativo, una tassa di morte, è un prelievo finanziario su parte di un beneficiario di una tenuta, di solito sulle attività e altri eredità finanziari ricevuti dagli eredi della tenuta. La tassa non si applica ai beni trasferiti al coniuge superstite. Eredi o beneficiari pagano solo questa tassa quando la quantità di tenuta che ereditano è superiore al limite di esclusione stabilita dal Internal Revenue Service (IRS). A partire dal 2016, il limite di esclusione è di $ 5,45 milioni; in tal modo, la tassa di proprietà viene riscossa solo su un numero molto limitato di proprietà.

Una migliore comprensione delle imposte immobiliare

La maggior parte delle persone trascorrono la loro intera esistenza compilazione finanze e attività che sono inevitabilmente lasciati al coniuge superstite o trasmessi a un erede o beneficiario designato. In definitiva, una tenuta attentamente pianificato è fondamentale per le persone che hanno intenzione di lasciare dietro di beni considerevoli agli eredi, evitando la necessità di pagare una bolletta estremamente elevata tassa di proprietà.

L’applicazione della tassa di proprietà è variabile e dipende da una serie di fattori, in primo luogo le leggi federali negli Stati Uniti, ma anche in parte sulle leggi immobiliari o tassa di successione in ogni rispettivo Stato, e, potenzialmente, sul diritto internazionale. Ogni Stato è incaricato di stabilire la percentuale alla quale una tenuta è tassato a livello statale, e gli stati può offrire esclusioni aggiuntive per il pagamento delle imposte immobiliari oltre il limite di esclusione IRS.

La libertà di trasferire, o lasciare in eredità, beni da una tenuta di un coniuge vivente è noto come la detrazione coniugale illimitata e può essere fatto senza alcuna tassa di proprietà viene riscossa. Se il coniuge vivente designato passa, tuttavia, i beneficiari della tenuta rimanenti saranno probabilmente tenuti a pagare la tassa di proprietà sul valore immobiliare totale che supera il limite di esclusione.

Un Real Life Esempio

Si consideri, per esempio, che un imprenditore sposato ha accumulato un patrimonio valore di 12 milioni di $. Quando l’individuo muore, egli può liberamente e chiaramente lasciare in eredità la totalità della tenuta di sua moglie e lei non sarà addebitato alcun tasse immobiliari.

Ora inoltre supporre che l’imprenditore e sua moglie hanno stabilito i loro due figli come beneficiari o eredi, della tenuta nel caso in cui sia lui che sua moglie morire. La moglie finisce per vivere per molti anni senza il marito, spendendo l’equivalente di $ 2 milioni di dollari di tenuta prima di morire. Alla sua morte, i figli ricevono il restante immobiliare, del valore di circa $ 10 milioni. In questo caso, il totale della tenuta rimanente supera il limite di esclusione. Gli eredi sono tenuti a pagare le tasse immobiliari fino a un tasso del 50%, tra cui entrambe le imposte immobiliari federali e statali, dalla quantità di tenuta oltre il limite di esclusione. Questo significa che ogni erede riceve circa 2,7 milioni di $ dal $ 10 milioni.

Ulteriori fatti circa Tasse immobiliare

In molti casi, l’aliquota fiscale effettiva tenuta degli Stati Uniti è sostanzialmente inferiore al tasso legale federale superiore del 40%. Questo accade per due motivi principali. In primo luogo, le tasse immobiliari sono dovute solo sulla parte di una tenuta che supera il limite di esclusione. Per mettere questo in prospettiva, considerare una tenuta del valore di $ 7 milioni. Con il limite di 2.016 esclusione di $ 5,45 milioni di dollari, le tasse immobiliari sono dovute con meno di $ 2 milioni, o da qualche parte tra un quarto e un quinto del totale tenuta. In secondo luogo, proprietari terrieri e dei beneficiari, o dei loro avvocati, costantemente impegnata nel trovare modi nuovi e creativi per proteggere i pezzi significativi del valore residuo di una tenuta dalle tasse, approfittando di sconti, deduzioni e le lacune che sono state emanate dai politici nel corso degli anni.